Categories Bikepacking, Test ride, travelling

La vaca negra

Questa è la storia di due ciclo avventurieri. Due viaggiatori che una notte decisero di campeggiare nella giungle tropicale, in quanto la mappa poco dettagliata che avevano acquistato all’automobil club argentino non permetteva loro di capire a che distanza sarebbe stato il luogo abitato lungo la loro strada. Campeggiarono lungo un ruscello, rinfrescandosi in quello mentre tutto attorno, tra le fitte fronde di questa selva incantata, giungeva l’imbrunire. Il luogo pareva perfetto, isolato e immerso nella natura.

erman_riders_post_02_02
Ma di notte vennero sorpresi nel sonno. Rumori sospetti provenirono da fuori la tenda, facendo pensare al peggio. Non erano armati ne potevano difendersi da qualsivoglia attacco o rapina. Con timidezza, aprirono la zip della tenda, per scoprire che questi rumori erano provocati da nientepopodimeno che una enorme mucca nera, che stava in quel momento leccando di gran gusto le loro biciclette. Tranquillizzati, tornarono a coricarsi, dormendo sonni relativamente sereni. Ma, al risveglio, una sorpresa li attendeva. Questo sgradito ospite era evidentemente affamato e prima di andarsene aveva ingurgitato, in ordine: un cappellino da bici; un paio di sandali di gomma; un top; una gomma posteriore di una bici, trovata a terra. Quella vaca negra fu l’animale più pericoloso nel quale i due avventurieri si imbatterono nel corso di tutto il loro viaggio lungo la ruta 40 Argentina.

Share

Your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *